La bellezza salverà il mondo

È proprio vero che il business, come la vita privata, non è nient’altro che un vortice alimentato da discese ardite e risalite, il tutto in un crescendo di successi e delusioni, bocciature e rinascite.

Lo sa bene Fabio Durighel, giovane imprenditore italiano nato e cresciuto nell’industria della cosmetica, settore importantissimo dell’economia italiana.

Continua a leggere

Oriente e kimono. Donne combattenti in passerella. Un messaggio per sognare e riflettere.

Mario Dice 01

Sembra quasi di rivivere il mito del lontano Paul Poiret il quale, nel periodo della Belle Epoque, amava circondarsi di colori, profumi e sapori, sue fonti di ispirazione per vestire le tipiche odalische di Ingres. Un Oriente quindi celebrato nella sua eleganza, nel suo rigore e nella raffinatezza dell’estetica e dei caratteri.

Continua a leggere

L’usato griffato? Adesso si compra online. Ed è boom di vendite.


C’erano una volta i favolosi anni ’80, quelli del consumismo sfrenato, dello shopping di lusso. All’epoca erano moltissimi gli italiani a potersi permettere giornate intere di acquisti, senza badare al portafogli. Non servivano russi e cinesi a riempire i negozi del quadrilatero della moda a Milano, o i monomarca delle griffe a Parigi, Londra e New York. Altri tempi, la musica è cambiata. La crisi ha stravolto usi e costumi.

Continua a leggere

Eva Herzigova: “Il mio segreto di bellezza? Mangio lentamente.”

Stardust Night


Era l’ospite più attesa della serata, ieri, in una Milano fredda e autunnale, la modella e attrice Eva Herzogova. Si è presentata all’evento organizzato da Swarovski, bellissima come sempre. Pelle color latte, poco trucco, castigatissima con una gonna nera abbinata a una semplice camicia bianca. Eva rimane una delle poche top model degli anni ’80 che ha saputo sempre rinnovare costantemente la propria immagine, e soprattutto, per lei, il tempo sembra non passare mai.

Continua a leggere

I look delle star di Hollywood

darby

Ho una grande passione per la moda. Da sempre. Chiunque mi conosce sa come io sia in grado di riconoscere lo stilista di un abito senza alcun suggerimento, di quanto sia un’acuta osservatrice degli abbinamenti dei colori, e una grande amante degli accessori, dai bijoux, alle scarpe, alle borse. D’altronde per cinque anni della mia vita lavorativa mi sono occupata quasi esclusivamente di costume e moda. Non sono una fanatica, tutt’altro, vesto in modo molto semplice, un po’ come stile di vita. Però sono affascinata dalla moda e dallo stile, perché dicono tantissimo di ciascuno di noi. Perfino nei casi di cronaca di cui mi occupo oggi, spesso analizziamo gli abiti dei protagonisti delle nostre storie, per carpire qualcosa di più della loro personalità. Ricordo numerosi pezzi sui vestiti di Salvatore Parolisi, accusato e poi condannato per avere ucciso sua moglie Melania Rea. Gli abiti che indossiamo dicono chi siamo, cosa amiamo, quanto spendiamo, di che umore ci siamo alzati, che cosa vogliamo ottenere quel giorno.

Continua a leggere