Ma per i politici l’austerità vale? Chiediamolo al Senatore Monti

monti
Roma, 02 Aprile 2015

Frecciarossa 9622 di Trenitalia ore 11.00, sono seduta sul treno quando decido di optare per il posto “salottino”: il mio telefono è sotto assedio e io non voglio arrecare troppo disturbo agli altri passeggeri.
Inoltre, fare l’upgrade del mio UNICO biglietto di prima classe alla fine non mi sembra esageratamente esoso, una tantum.
Cosi, avuta l’autorizzazione dal personale di Trenitalia mi accomodo nell’agognato “salottino”, felice di essermi concessa per una volta un po’ di comodità in più.
Ahime’, la mia beatitutine non ha fatto i conti con l’Uomo della Provvidenza e dell’austerità (altrui): si apre la porta ed un attendente mi invita a lasciare il posto. Indovinate perché?
Perché il Senatore Monti ha riservato tutta la cabina capiente di quattro posti e di certo non ha nessuna voglia di contaminarsi con noi comuni mortali.

Ma a Monti quattro posti da solo a cosa servono? A stare più comodo? A poter parlare al telefono con maggior riservatezza?
Senatore, dalle pagine di questo blog Le faccio una domanda molto precisa e semplice: chi ha pagato i quattro -dico QUATTRO- biglietti dell’esclusivo scompartimento del treno Roma – Milano dove SOLO LEI era seduto?
Li ha pagati di tasca sua? Mi certifichi che è così, almeno Lei che ha fatto del rigore un credo politico.
E poi Senatore, aiuti noi comuni mortali a comprendere meglio il senso e l’efficacia della parola austerità, oggi che la spesa pubblica registra + 2,6% su base trimestrale e molte famiglie italiane stremate non riescono ad arrivare a fine mese. Ci illumini Lei, Senatore Monti. E soprattutto ci mandi le ricevute del suo scompartimento.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

13 risposte a “Ma per i politici l’austerità vale? Chiediamolo al Senatore Monti

  1. Gentile Signora

    non capisco perché si lamenta.

    Se il Senatore non aveva piacere di essere disturbato da quelle altisonanti e maleducate telefonate che quando si viaggia in treno danno enorme fastidio, non vedo perché non poteva riservarsi regolarmente un salottino ?

    Vinni Buffa

  2. ma da quando vale l’austerità per i politici, loro hanno i diritti acquisiti mica scherzi.la plebe no, ma lori sì. Come fanno a dire che la gente fa antipolitica quando danno dei vomitevoli esempi di diseguaglianza e di regole diverse per LORO. Monti altra figura da incorniciare e sulla quale giocare a frccette! un commissario UE non tanto in incognito venuto a fare al governo l’interesse di banche e ue mai e poi mai l’interesse del paese.
    Ultima fregatura: senatore a vita, eroe del paese.ma eroe di cosa, senatore a vita solo per votare in senato dalla parte di chi l’ha nominato? Renzi dovrebbe ELIMINARE con effetto retroattivo (come fanno coi nostri soldi) la carica e gli stipendi (detti vitalizi non a caso) di questi personaggi che nessuno con il proprio voto ha nominato

  3. Monti fa parte di una casta di privilegiati cui ben poco importa del prossimo. Ne renderà conto, e molti altri con lui, a Chi di dovere, prima o poi.

  4. Monti andò al governo per favorire la banca presso cui lavorava il figlio Giovanni; infatti la prima cosa che fece è stata rimborsare la Morgan Stanley di 2 miliardi e 567 milioni di Euro, credito che aveva nei confronti del nostro paese per via di certi derivati…. e per recuperare fece una finanziaria che ci costò il tracollo dell’economia e il fallimento di qualsiasi ripresa futura! Ed eccoci qua’ con i risultati nefasti di questi politici che non hanno un’idea di VERA politica ma sono solamente impegnati ad arricchirsi oltremisura ciechi e inetti !!

  5. Non dica queste cose altrimenti l’austerità colpirà anche lei o il suo lavoro con il jobact o la spending rewiew,in questo paese far nomi o illazzioni su personaggi influenti non è possibile ahahhahaah.Mi raccomando con confondiamo monti di danaro con valle di lacrime!,in italia la legge è uguale per tutti!……………………………ma che caaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa.

  6. Ti dico tranquillamente io perchè gli serviva tutto lo scompartimento,gli inciuci ora si fanno sul treno o magari il suo lato b è talmente grosso……………………quindi un posto non basta o magari vista l’età gira con la camera iperbarica ahahhhahahaha.Dato che tutti gli italiani appena lo vedono gli dicono in modo educato: MA Lìì M……..CI TUA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!…………………povero mario!.

  7. Il Senatore Monti è recidivo in questo comportamento. Tempo fa era presente nella mia città e a pranzo prima del suo ingresso in un ristorante la scorta ha obbligato tutti a smammare.
    Fa bene ad avere la scorta. Prima o poi qualcuno gli sputerà in faccia!!

  8. Sono d’accordo,ma il senatore a vita ( per quali meriti poi) non risponderà mai, continuando comportamenti disdicevoli

  9. Buongiorno.
    Purtroppo i parassiti che si annidano, nel mondo della politica, sono tanti e ormai incontrollabili. E ovvio che un personaggio come Mario Monti, non abbia problemi ad arrivare a fine mese e di conseguenza, non conosca minimamente i problemi che attanagliano quotidianamente il comune cittadino. Solo il fatto che viaggiando in treno, voglia prenotarsi un intero salottino, solo per lui, la dice lunga. Ovviamente il prezzo del biglietto, a carico di noi contribuenti, gli stessi che al momento delle elezioni, si precipitano a votarli. E’ chiaro che questo comportamento, porta inevitabilmente al ploliferare dei parassiti che aprofittandosi, della nostra benevolenza, fanno e disfano a loro piacimento. Per far si che questi politici, pieni di se e carichi di infinita onnipotenza, la smettano di vivere alle nostre spalle è indispensabile, cambiare il nostro atteggiamento e imparare a criticare i loro comportamenti da mafiosi. E’ quello che sono. Corrotti e palesemente disinteressati al paese. Per loro conta una cosa sola. Il denaro e il potere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *