Loris Gozi. Un teste attendibile: perché?

Loris Gozi

Immagine 1 di 2

Loris Gozi. Un teste attendibile

Lori Gozi, secondo la procura di Pisa, è un testimone attendibile. Perché, vi chiederete. In fondo Loris e’ uno zingaro, ha un passato burrascoso, i pregiudizi su di lui potrebbero sprecarsi. Ma Loris non mente, perché ogni singola parola da lui detta in questi tre anni e’ stata verificata dagli inquirenti. Ogni suo singolo spostamento di quella notte del 13 gennaio 2012, e’ stato controllato e ha trovato riscontro. Lo testimonia una lunga relazione dei ROS di Roma, della quale sono filtrati alcuni elementi proprio in questi giorni. Vi faccio degli esempi. Loris dichiara di essere andato a prendere sua moglie Anita nella pizzeria dove la donna lavorava, la notte della scomparsa di Roberta, a mezzanotte e venti. Anita conferma l’orario, così come lo confermano le persone che lavoravano lì quella sera. Ma c’è di più. La collega di Anita, una ragazza rumena, registra l’orario preciso nella sua agenda. Carta canta.

A quel punto Loris dichiara di essere tornato a casa. Anita conferma. Gli inquirenti verificano le celle telefoniche agganciate dai loro cellulari. I due dicono la verità. Loris racconta la scena che vede mentre sta tornando a casa in via Gigli: Antonio Logli e’ fermo per strada nella sua macchina. Quando vede Loris passare in auto si copre il volto con la mano, come per non farsi riconoscere. Anita, sentita separatamente dagli inquirenti, racconta la stessa scena. Loris dichiara che mezz’ora dopo vede, sempre in via Gigli, mentre porta fuori il cane, un uomo e una donna litigare e poi sente un urlo di donna e una porta che sbatte. Anita non vede la scena, ma sente le stesse cose. E Silvana Pampiani, un’altra donna che abita sempre in via Gigli, passando di li in motorino vede la lite. Insomma sono in tre a dire le stesse cose. Il giorno dopo Antonio andrà a bussare alla porta dei Gozi. Ad aprigli sarà la suocera di Loris, che confermerà quanto raccontato dal genero. Versione ancora una volta riscontrata. Mesi dopo, Loris chiama spaventato i carabinieri: una persona che lavora per Antonio sta facendo qualcosa col telefonino, proprio vicino al suo cancello e in lontananza c’è un’auto ferma. In realtà Logli e il suo uomo di fiducia stavano verificando cosa avrebbe potuto vedere da quella distanza Gozi, la notte della scomparsa di sua moglie.
Logli negherà di avere fatto questa prova, sostenendo che Loris e’un bugiardo. Peccato che Logli e la persona che con lui fa questa verifica siano intercettati, e non solo: il GPS messo dagli inquirenti nell’auto di Antonio segnala la presenza della sua auto in Via Gigli, a pochi metri dalla casa di Loris, proprio quando Gozi chiama i carabinieri. Parole riscontrare una per una, quelle di Loris, il teste tanto vituperato da Antonio. Parole che lo rendono attendibile, e che spaventano Logli che, in tutti i modi, tenta di screditarlo. Peraltro senza successo.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Loris Gozi. Un teste attendibile: perché?

  1. Ciao Francesca, non vedo l’ora di vedere la trasmissione questa sera
    questa vicenda riempie di interrogativi tutti io credo, perché sembra tutto così normale, Roberta la casa lavoro figli marito suoceri tutto così vicino così che sembravano andare d’amore e daccordo e il perbenismo che ricopre certe figure voilà cade come un telo e scopre che……. Valori zero rispetto per la moglie zero meno meno.
    Loris Gozi all’apparenza così ai margini ..(.puoi capire fa il giostraio…chissà che individuo ) è così rispettoso, aveva paura di parlare perché nel sentire comune Logli era un signore, come poteva osare? Migliore di lui.
    Invece Loris è così accorato e sinceramente dispiaciuto per Roberta, lui la moglie e la suocera mi fanno pensare e si capisce che hanno valori tanti fin da regalarne a Sara, Logli e così via.
    E’ stato bravissimo a testimonare e pur avendo tanto da perdere lo ha fatto.
    Spero tanto che qualcuno nella zona lo faccia lavorare e che anche sua moglie abbia trovato qualcosa da fare. Non è giusto che persone con pochi mezzi già in partenza si ritrovino a star peggio per aver testimoniato un fatto che ha portato alla luce tanto squallore.
    Come mai non lo avete più invitato in trasmissione? Sia lui che la moglie sono così semplici e disarmanti quando quasi increduli dicono le cose come stanno e mi consolano ….forse di brave persone ce ne sono ancora!!!!!!
    Grazie Francesca e se puoi saluta Loris e famiglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *