Inviata a Venezia. Venite con me a scoprire i segreti delle Star

Eccomi qui, in diretta dal Lido di Venezia come inviata per Pomeriggio5 al Festival del Cinema. Che esperienza vedere i divi del grande schermo camminare a pochi passi da te!

Sul tappeto rosso in questi giorni hanno sfilato dagli attori nostrani, alle star di Hollywood, a personaggi che col Festival c’entravano davvero poco; ma si sa, questo appuntamento e’anche una vetrina per farsi un po’di pubblicita’.

I veri protagonisti di questi primi giorni sono stati loro, i divi internazionali: da Al Pacino a Uma Thurman, da Edward Northon a Emma Stone.

Davanti all’imbarcadero degli arrivi all’Hotel Excelsior c’era la ressa sin dalle prime ore del mattino per fare un selfie con loro, Al Pacino in particolare.

E sono stati proprio i divi d’oltreoceano a dare l’ennesima lezione di umiltà: tante foto, tante strette di mano, tanti sorrisi per i fan. Altro che certi attori italiani che ignorano chi fa la fila per loro.

Il grande Al Pacino, che a 73 anni e’ ancora un ragazzino, ha scherzato con i fotografi che ormai da anni lo seguono, fingendosi per qualche minuto paparazzo anche lui, e rubando la macchina fotografica a uno di loro. Ridevano tutti.

Al Pacino, alla faccia della dieta, nel suo soggiorno veneziano ha chiesto i cibi italiani più semplici ma anche un po’ calorici: pizza e pastasciutta.

Pare non abbia fatto le stesse richieste l’algida Uma Thurman, che per essere così bella e in forma non può esagerare con i carboidrati. Ma in questi giorni tanto algida non e’stata: gentile e disponibile a farsi fotografare, sorridente, ha persino “sciabolato” champagne in un noto ristorante, cantando a squarciagola con i camerieri e gli altri commensali.

Insomma a Venezia sono sbarcati divi “umani”. E gli italiani che sono qui al Festival con i loro film come si comportano? Ve lo racconto la prossima puntata.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *